Skip to main content

Il 14 marzo scorso la Ocean Viking ha salvato 88 persone da un gommone sovraffollato nella zona SAR libica. Tra loro, c’era un bambino di soli otto anni, Ali*, che viaggiava senza alcun accompagnatore adulto. È sconcertante pensare che un bambino così giovane abbia affrontato un viaggio così pericoloso, per giunta da solo. La sua storia è un esempio di tante storie inaccettabili, di pericoli inimmaginabili che bambini e bambine, anche non accompagnati affrontano, attraversando il Mediterraneo. 

Il viaggio di Ali attraverso il deserto 

Ali* è un bambino di otto anni originario di Tambaga, in Mali. Nel suo paese, come tanti altri bambini, frequentava la scuola. Tuttavia, circa un anno fa, Ali ha intrapreso un viaggio pericoloso e incerto, lasciando il Mali con un altro ragazzo, con cui ha perso il contatto quando è arrivato in Libia. Per arrivare in Libia, Ali ha attraversato l’Algeria e ha camminato nel deserto per circa un mese. Un viaggio estenuante e pericoloso, durante il quale ha dovuto lavorare per sopravvivere. 

Ho camminato nel deserto per circa un mese con il mio amico. Durante il viaggio, ho lavorato. Ho fatto saldatura e pittura.” 

Il viaggio di Ali, le difficoltà in Libia 

Una volta arrivato in Libia, Ali ha dovuto affrontare, da solo, una situazione indescrivibile e inaccettabile. Ci ha raccontato che a Sabratha dormiva per strada e spesso veniva picchiato a causa del colore della sua pelle. La situazione dei migranti in Libia è estremamente critica, e Ali è solo uno dei tanti che ha subito maltrattamenti e violenze. 

In Libia, dormivo per strada a Sabratha. Spesso venivo picchiato perché sono nero.” 

Il viaggio di Ali, la speranza nel Mediterraneo 

Ali ha sentito parlare di persone che attraversavano il Mediterraneo per fuggire dalla Libia e ha deciso di tentare la traversata. Il suo primo tentativo è stato interrotto dalla guardia costiera libica, che lo ha arrestato e detenuto nel centro di Ain Zara, che lui chiama “prigione”**. Ali è rimasto a Ain Zara, per diversi mesi, vivendo in condizioni di paura e privazione. Senza soldi per mangiare o uscire, la sua situazione era disperata. Due adulti, racconta, lo hanno aiutato a scappare. Il team di soccorso dell’Ocean Viking ha messo in salvo Ali da un’imbarcazione sovraffollata a rischio di naufragio lo scorso marzo. 

Il dato: 75% dei minori non sono accompagnati 

Immaginate un bambino di otto anni, solo in un contesto ostile e sconosciuto. Ali, come tanti altri minori non accompagnati, ha dovuto fare affidamento esclusivamente su se stesso per sopravvivere. Questi bambini sono esposti a rischi incredibili: abusi, tratta di esseri umani, sfruttamento lavorativo e violenze. La mancanza di un adulto che possa proteggerli e guidarli rende il loro viaggio ancora più pericoloso e traumatico. 

Quando parliamo di soccorsi in mare, un dato emerge con prepotenza: nel 2023 il 75% dei minori salvati dalla nostra nave affrontava un percorso migratorio senza un adulto vicino. Questo dato è sconcertante e sottolinea una realtà drammatica.  

Il viaggio di Ali è un potente promemoria delle difficoltà e dei pericoli affrontati dai minori non accompagnati nel Mediterraneo. È una chiamata all’azione per tutte le organizzazioni umanitarie, i governi e la società civile affinché si impegnino a proteggere questi bambini, offrendo loro sicurezza, supporto e un’opportunità per un futuro migliore. 

*Il nome del sopravvissuto è stato cambiato per proteggere il suo anonimato.  

**I sopravvissuti spesso parlano di “prigione” o “carcere” per riferirsi a centri di detenzione ufficiali o non ufficiali. 

Foto: Joanna De Tessieres/SOS MEDITERRANEE