Sguardo sul Mediterraneo #9

Sguardo sul Mediterraneo #9

Le opinioni espresse dalle fonti non rappresentano necessariamente il punto di vista di SOS MEDITERRANEE.

 

aggiornato il 7 giugno, ore 09:00

 

Sabato sera, le 425 persone salvate nella zona di ricerca e soccorso maltese e trattenute su imbarcazioni turistiche noleggiate dal governo maltese, al di fuori delle acque territoriali , sono state infine autorizzate a sbarcare a Malta. La scorsa settimana a Lampedusa, sono proseguiti diversi piccoli sbarchi autonomi partiti dalla Libia e dalla Tunisia. Centinaia di sopravvissuti sono stati intercettati in mare e sono stati riportati in Libia. La nave di soccorso civile Sea-Watch 3 ha lasciato Messina sabato per una nuova missione di soccorso nel Mediterraneo centrale.

Situazione nel Mediterraneo centrale

 

425 persone trattenute al largo su quattro imbarcazioni turistiche, alcune da più di un mese, sono state finalmente autorizzate a sbarcare a Malta sabato notte. Media e fonti governative hanno segnalato una protesta a bordo di una delle barche (Malta today). 

 

Mercoledì, la Commissione europea aveva chiesto un’azione immediata per lo sbarco dei migranti detenuti sulle navi al largo delle coste maltesi. Giovedì, la Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa Dunja Mijatović aveva rilasciato una dichiarazione in cui esortava Malta a concedere agli organismi e alle agenzie di controllo l’accesso alle navi al largo delle sue coste e chiedeva una soluzione alla situazione.

 

Più di 200 persone sono attualmente a bordo della Moby Zaza, il traghetto noleggiato dalle autorità italiane per la quarantena dei sopravvissuti, dopo che 77 persone, salvate dalla Guardia Costiera Italiana e dalla Guardia della Finanzia, erano state trasferite da Lampedusa martedì scorso (La Stampa).

 

Venerdì sera, è stato incendiato il “cimitero delle barche dei migranti” di Lampedusa, simbolo dell’accoglienza e della commemorazione delle vittime dei naufragi del 3 e 11 ottobre 2013. La Procura di Agrigento ha aperto un’indagine per incendio doloso (Ansa, the Guardian, La Stampa). Il 3 giugno, la “Porta di Europa”, un monumento realizzato da Mimmo Paladino che simboleggia l’accoglienza dell’isola delle Pelagie è stata «impacchettata» e sigillata da ignoti  (Agi).

 

Vari sbarchi piccoli e autonomi si sono verificati questa settimana a Lammpedusa. Gli ultimi giovedì, due barche hanno raggiunto l’isola, una con 50 persone a bordo è arrivata autonomamente, l’altra con 58 persone è stata soccorsa dalla guardia costiera italiana, come riferisce Mediterraneo Cronaca. Mercoledì,14 persone partite dalla Tunisia sono sbarcate in modo autonomo a Lampedusa (Mediterraneo cronaca).

 

Martedì, 77 persone partite da Zuwara in Libia con una barca di legno sono approdate a Lampedusa (Mediterraneo cronaca). Lo stesso giorno, dopo che 5 persone partite dalla Tunisia erano sbarcate da un gommoncino rubber raft, 54 persone salpate dalla Tunisia sono state soccorse dalla guardia costiera italiana in acque territoriali italiane, vicino all’isola di Lampedusa. Tra lunedì e martedì, sull’isola si sono succeduti quattro piccoli sbarchi di 9, 8, 6 persone, come riferito da Angela Caponnetto.

 

La nave di soccorso civile Sea-Watch, è salpata questo sabato da Messina verso la zona di ricerca e soccorso del Mediterraneo centrale. Mediterranea Saving Humans ha anche annunciato il suo ritorno in mare con la nave Mare Jonio nelle prossime settimane. Le due navi Alan Kurdi e Aita Mari di Sea-Eye Ngo e Salvamento Maritimo, sono ancora sotto fermo amministrativo a Palermo.

 

Due settimane fa, le autorità maltesi e libiche hanno firmato un memorandum d’intesa che stabilisce “centri di coordinamento delle migrazioni” a Tripoli e a La Valletta (Malta today). Il testo integrale dell’accordo è stato pubblicato da The Independent.

 

L’OIM Libia ha riferito giovedì che 194 persone, tra cui donne e bambini, sono state intercettate e riportate in Libia dalla guardia costiera. Circa 4.000 migranti sono stati ritornati in Libia quest’anno  dalla guardia costiera, come dichiarato da Federico Soda, Capo dell’OIM Libia.

La guerra in Libia

 

L’OIM ha riferito il 6 giugno, che «nei giorni scorsi, oltre 16.000 libici sono stati sfollati a seguito di intensificate ostilità a sud di Tripoli. Mentre il conflitto continua, persistono ostacoli e sfide per gli aiuti umanitari».

 

In un briefing al Consiglio di Sicurezza il 19 maggio scorso, la Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil) ha riferito che «da gennaio, più di 3.200 rifugiati e richiedenti asilo sono stati intercettati in mare e ritornati in Libia, spesso in condizioni di detenzione disumane, mentre altri sono scomparsi del tutto».

 

Secondo la giornalista Sara Creta, giovedì 4 giugno circa 70 persone hanno cercato di fuggire da un centro di detenzione a Zawiya, in Libia. Due uomini sarebbero stati uccisi e trasferiti in ospedale.

.

Sguardo sul Mediterraneo

Sguardo sul Mediterraneo #22 – Almeno 19 persone sono morte in mare dall’inizio dell’anno

La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e soccorso che...

Sguardo sul Mediterraneo #21 – L’anno inizia: 265 persone soccorse in 48 ore

La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e soccorso che...

Sguardo sul Mediterraneo #20 – Torna la speranza: un 2021 di ricerca e soccorso

Nonostante le condizioni invernali, le partenze continuano: ci sono segnalazioni di almeno un naufragio e oltre 120 persone forzatamente riportate in Libia

Sguardo sul Mediterraneo #19

La flotta civile delle Ong di soccorso continua a mobilitarsi nonostante i fermi amministrativi

Sguardo sul Mediterraneo #18

Drammatica operazione di soccorso della nave Open Arms: 6 morti e più di 250 persone soccorse in meno di 72 ore

Sguardo sul Mediterraneo #17

Oltre 11.000 persone sono state forzatamente riportate in Libia dall’inizio dell’anno, più che durante tutto il 2019

Sguardo sul Mediterraneo #16

Lontano dai riflettori, i naufragi continuano e i soccorritori non possono aiutare.

Sguardo sul Mediterraneo #15

L’ONU denuncia uno “scioccante ciclo di violenze” per le persone in fuga dalla Libia, rafforzato in mare dall’UE

Sguardo sul Mediterraneo #14

Continuano i naufragi mortali e i lunghi blocchi in mare, mentre tutte le navi umanitarie sono state fermate // Gli stalli in mare raggiungono livelli critici e senza precedenti, in assenza di un sistema di sbarco europeo // Ad altre due navi di ONG viene impedito di svolgere missioni di salvataggio nel Mediterraneo centrale // Ricerca e soccorso in mare e il nuovo patto europeo su asilo e migrazione

Sguardo sul Mediterraneo #13

Corpi continuano ad arenarsi sulle coste libiche // Moonbird ha volato troppo: l’assenza di testimoni in mare // Per i sopravvissuti della Maersk Etienne la fine di un calvario durato settimane // Gli stalli in mare comportano una sofferenza prolungata e rischi per la sicurezza // Esiste il rischio che le navi commerciali siano dissuase dall’effettuare salvataggi? // Le politiche europee vengono meno agli obblighi del diritto marittimo, senza discriminare tra navi di Ong e navi commerciali

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.