RAPPORTO DI MISSIONE – Rotazione 12: Un terribile naufragio, 236 vite in salvo

RAPPORTO DI MISSIONE – Rotazione 12: Un terribile naufragio, 236 vite in salvo

Il rapporto dell’ultima missione della Ocean Viking nel mediterraneo centrale.
Il 22 aprile abbiamo assistito alle tragiche conseguenze di un naufragio dovuto all’assenza di coordinamento nel Mediterraneo centrale. In 130 hanno perso la vita.
Nei giorni successivi, abbiamo completato il salvataggio di 236 persone, poi sbarcate ad Augusta. Tra loro 130 ragazzi e ragazze minorenni, dei quali 119 non accompagnati.

>Rotazione 12: 14 aprile – 1 maggio 2021 

Da Augusta a Siracusa

Il 14 aprile scorso, la Ocean Viking ha lasciato il porto di Augusta per condurre delle esercitazioni e ripararsi poi, a causa del maltempo, sempre in un porto siciliano: quello di Siracusa. 

Verso la zona delle operazioni

Dopo alcuni giorni di ricerca in mare, nella giornata di mercoledì 21 aprile la Ocean Viking riceve da Alarm Phone la segnalazione di tre imbarcazioni in difficoltà: un barchino di legno con circa 40 persone a bordo e due gommoni con 120 persone a bordo circa. La nave si dirige verso l’ultima posizione nota della barca di legno e la cerca, senza trovarla, per tutta la giornata di mercoledì 21.

Una terribile tragedia

Alle 19:15 di mercoledì 21 aprile, un mezzo non identificato lancia una prima chiamata di soccorso MAYDAY sul canale VHF 16, il canale radio di emergenza marina. Dalle dichiarazioni pubbliche di Frontex successivamente agli eventi, pare che sia stato un aereo di Frontex a lanciare quel MAYDAY. Nelle prime ore di giovedì 22 aprile, la Ocean Viking arriva sul luogo dell’ultima posizione conosciuta del gommone in difficoltà, ricevuta via radio nella chiamata MAYDAY circa 9 ore prima (mentre Alarm Phone aveva segnalato per la prima volta questo caso di emergenza circa 20 ore prima) e inizia la procedura di ricerca attiva in coordinamento con le navi mercantili M/V MY ROSE, M/V ALK e M/T VS LISBETH.

La Ocean Viking chiama il Centro italiano di Coordinamento del Soccorso Marittimo (MRCC) alle 7:35 del mattino, chiedendo supporto aereo. Più tardi, alle 8:55, la Ocean Viking chiama anche l’ufficio di Frontex per chiedere supporto aereo nella ricerca della barca in difficoltà. In entrambi i casi, la nostra nave non riceve informazioni sul fatto che Frontex abbia inviato o abbia intenzione di inviare mezzi nella zona, ma il velivolo Osprey 3 di Frontex arriverà sulla scena più avanti, nel corso della mattinata.

A mezzogiorno, la M/V MY ROSE informa il velivolo Osprey 3 di Frontex di aver avvistato tre corpi nell’acqua. La Ocean Viking chiama Osprey3 per chiedere informazioni sul caso, chiedendo anche chi stesse coordinando le operazioni. Osprey3 risponde che loro stanno partecipando solo alla ricerca e non coordinando il caso. La Ocean Viking informa allora l’Osprey3 e la nave mercantile M/V ALK di avere la capacità e le strutture per recuperare i corpi. Ciononostante, non abbiamo mai ricevuto risposta o istruzioni in merito da parte delle autorità marittime.

Venti minuti dopo, Osprey3 individua il relitto del gommone e trasmette la sua posizione tramite il canale radio VHF 16 alle navi impegnate nella ricerca.

Una delle navi mercantili presenti, M/V ALK, lascia successivamente la scena, comunicando via radio che la nave di pattuglia della Guardia Costiera Libica UBARI avrebbe coordinato il caso. Tuttavia, la UBARI non si trova sul posto in quel momento.

Alle 14:00, l’equipaggio della Ocean Viking avvista il relitto del gommone e diversi cadaveri nell’acqua circostante. È una tragedia. Si stimano tra 120 e 130 morti.

Per un resoconto ancora più dettagliato del naufragio, questo è il racconto che ci è pervenuto dal ponte della nostra nave.

 

 

Una speranza: 236 vite in salvo

Martedì 27 aprile, la Ocean Viking avvista due gommoni in difficoltà: a bordo ci sono 236 persone che vengono tutte portate in salvo a bordo della nostra nave ambulanza. Tra di loro, anche 130 minorenni, dei quali 119 sono soli: non hanno nessuno che li accompagni.

Testimoni di un respingimento illegale

Il giorno dopo, l’equipaggio e i sopravvissuti a bordo di Ocean Viking hanno assistito a un respingimento da parte della guardia costiera libica. I team dei nostri soccorritori erano pronti all’operazione di salvataggio di due gommoni in difficoltà. La motovedetta Fezzan della guardia costiera libica è arrivata prima, costringendo i naufraghi al ritorno in un paese dove subiscono sistematiche e indicibili torture. Una violazione del diritto marittimo e della Convenzione di Ginevra. Molti dei sopravvissuti a bordo di Ocean Viking sono stati scossi da questo evento: molti di loro, anche minori, avevano già vissuto respingimenti.

Un Porto Sicuro

Dopo alcuni giorni di pattuglia in acque internazionali, il primo maggio i 236 sopravvissuti sono stati portati ad Augusta, in un Porto Sicuro. Sia i naufraghi che il nostro equipaggio si sono sottoposti al tampone anti-Covid somministrato dalle autorità sanitarie. Al nostro equipaggio è stato successivamente prescritto un periodo di 14 giorni di quarantena a bordo.

 

Foto:
Flavio Gasperini/SOS MEDITERRANEE
Morgane Lescot/SOS MEDITERRANEE

   

SGUARDO SUL MEDITERRANEO #37 – Una persona su due è stata rimpatriata in Libia. Continua la crisi umanitaria in mare.

    La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e...

SGUARDO SUL MEDITERRANEO #36 – Ancora barche in pericolo, corpi recuperati e record di respingimenti in mare

    La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e...

SGUARDO SUL MEDITERRANEO #35 – Centinaia di donne, bambini e uomini salvati e assistiti in mare da mezzi di ricerca e soccorso civili, mentre continuano le intercettazioni da parte della Guardia Costiera libica

    La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e...

SGUARDO SUL MEDITERRANEO #34 – Imbarcazioni in difficoltà, naufragi, operazioni di soccorso e respingimenti: news sulle ultime due settimane nel Mediterraneo centrale

    La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e...

SGUARDO SUL MEDITERRANEO #33 – Ancora denunce di abusi sui migranti detenuti in Libia, il numero di respingimenti raggiunge un nuovo triste record

    La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e...

SGUARDO SUL MEDITERRANEO #32 – Ancora morti in mare e respingimenti record, fermi gli accordi di redistribuzione

    La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e...

SGUARDO SUL MEDITERRANEO #31 – Ancora naufragi, salvataggi, respingimenti e arrivi. Ricerca e Soccorso tornano nell’Agenda europea.

  La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e soccorso...

SGUARDO SUL MEDITERRANEO CENTRALE #30 – La crisi umanitaria nel Mediterraneo centrale innesca la richiesta di un’azione europea in risposta all’aumento dei naufragi, degli arrivi in Italia e dei rimpatri forzati

La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e soccorso che...

SGUARDO SUL MEDITERRANEO #29 – Di male in peggio: oltre 150 persone morte in due naufragi, mentre continuano i respingimenti forzati in Libia.

La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e soccorso che...

Sguardo sul Mediterraneo #28 – Non si ferma il flusso di persone in fuga dalla Libia

La seguente pubblicazione di SOS MEDITERRANEE vuole far luce sugli eventi che si sono verificati nel Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane. «Sguardo sul Mediterraneo» non è inteso come un aggiornamento esaustivo, ma si propone di trattare le questioni relative alla ricerca e soccorso che...

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.