La Testimonianza: “È la terza volta che cerco di fuggire dalla Libia via mare. È un rischio, ma non abbiamo scelta”.

La Testimonianza: “È la terza volta che cerco di fuggire dalla Libia via mare. È un rischio, ma non abbiamo scelta”.

“È la terza volta che cerco di fuggire dalla Libia via mare. È un rischio, ma non abbiamo scelta”. Mubarak (nome di fantasia), 17 anni, Guinea Conakry.

Mubarak è stato salvato dalla Ocean Viking in acque internazionali al largo della Libia il 20 marzo 2021, insieme ad altri 105 bambini, donne e uomini. Uno dei tubolari del gommone era stato perforato e il gommone stava imbarcando acqua quando l’equipaggio di SOS MEDITERRANEE è arrivato.

A soli 17 anni, Mubarak ha già vissuto e superato molte tragedie, tra cui un naufragio al largo delle coste libiche. Poche ore prima di sbarcare ad Augusta, in Sicilia, il 23 marzo, il giovane guineano ha voluto raccontarci parte della sua storia.

“È la terza volta che cerco di fuggire dalla Libia via mare. È un rischio ma non abbiamo scelta. Restare in Libia significa rischiare di più. In Libia non c’è vita. È un inferno. La prima volta che sono andato in mare, abbiamo lasciato la costa libica intorno alle 23 del giugno 2020. Siamo rimasti in mare per quattro giorni. Ci siamo persi, il tempo era pessimo. La tempesta, la pioggia… eravamo fradici ed esausti. Alcuni hanno vomitato, altri hanno perso conoscenza. Grazie a Dio non ci sono stati morti. Abbiamo girato intorno a una nave per tre giorni. Era una petroliera. A quei tempi non c’erano navi umanitarie. Volevamo andare direttamente a Lampedusa, ma non ha funzionato. Dopo 4 giorni, abbiamo deciso di tornare indietro a Zawiya. Non avevamo scelta.

“Quel giorno sono morte tre persone”.

La seconda volta, nel dicembre 2020, siamo naufragati. Siamo stati varati alle 23:00. Eravamo 130 persone e alcune persone. C’erano bambini, donne incinte, anche neonati di 2 o 3 anni. Eravamo molto, molto sovraccarichi. All’inizio abbiamo detto che lo zodiac non andava bene. Ma ci è stato detto che non avevamo scelta e che se fossimo rimasti indietro avremmo perso i nostri soldi. Non si può tornare indietro.

Siamo naufragati intorno alle 9 del mattino, fino alle 10 circa. Uno degli scafi della barca è stato

perforato. Le persone su quel lato della barca sono cadute in acqua. Sull’altro lato c’era ancora uno sponson gonfiato, ma abbiamo dovuto fare attenzione a non sovraccaricare quel lato, altrimenti tutti sarebbero caduti in acqua. Quel giorno morirono tre persone. Ma Dio ha salvato alcuni di noi. Il telefono non è caduto in acqua e siamo riusciti a chiamare Alarm Phone per comunicare la nostra posizione. La guardia costiera libica è venuta a prenderci lì. Ci hanno detto che ci avrebbero dato del cibo e ci avrebbero lasciato tornare indietro. Ma all’improvviso hanno cambiato idea. Ci hanno mandato in un centro di detenzione. Lì devi pagare per uscire. Se non hai i soldi, rimani lì. Non c’è rimpatrio.

Dio mi ha aiutato, sono riuscito a lasciare il centro di detenzione dopo 14 giorni. Ho trovato persone che sono rimaste lì per più di sei mesi, è stato molto difficile. Appena uscito, mi sono detto che dovevo riprovarci. Naturalmente, conoscevo il rischio. Lo sapevo bene. È molto pericoloso. Molte persone hanno perso la vita in mare. Ma anche se si odia l’idea di morire, non si può evitare. È meglio lasciare la Libia via mare che restarci. In Libia ti trattano come uno schiavo. Nel 2017 facevano le cose in bella vista, poi il mondo si è svegliato. Ora le cose vengono fatte in segreto. Ma le autorità lo sanno.

La maggior parte delle persone ha numeri di telefono scritti sui vestiti. Io stesso ne avevo uno in caso di necessità. Perché quando lanciano la barca, o ce la fai, o naufraghi, o ti prendono. E se ti prendono, è sicuramente prigione. E se finisci in prigione, l’unico modo per uscirne è pagare. Per questo, devi poter chiamare i parenti. Per questo le persone hanno il loro numero di emergenza sui vestiti e, se ne hanno bisogno, possono dare il numero ai carcerieri. Loro chiamano il numero e dicono che devono inviare denaro per farci uscire di prigione. Questo è un Paese che non ha ordine. Tutti sono armati. La popolazione è armata. E gli stranieri sono sempre vittime.

Non tutti hanno la forza di affrontare quello che succede in prigione. Si mangia una volta al giorno, alle 18. Ti danno un piccolo piatto con riso e spaghetti, devono mangiarci cinque persone. Riesci a immaginarlo? Anche loro picchiano le persone. L’altro giorno i guardiani hanno picchiato tutti perché alcuni giovani, sui 13-15 anni, si lamentavano di non avere abbastanza da mangiare. Avevano bisogno di mangiare. Noi possiamo sopportare certe cose, ma i bambini no. Ad alcuni hanno rotto i piedi con dei bastoni. Non guardano nemmeno dove ti colpiscono. Ti colpiscono sulla testa, sui piedi… Ovunque.

“Il ricordo più bello della mia vita è oggi”.

Ho trascorso sei mesi in Libia e quattro anni in Algeria. Ho lasciato il mio Paese, la Guinea-Conakry, quando avevo 13 anni perché mio padre è morto. All’epoca era lui che si occupava di tutto. Essendo il primo figlio della famiglia, ho dovuto assumermi le mie responsabilità. Bisogna sapersi sacrificare.

Ho sofferto molto. Anni di sofferenza. Ma oggi sono molto felice. Le parole mi mancano. Il ricordo più bello della mia vita è oggi. Non bisogna mai arrendersi. Ma non bisogna solo seguire i propri sogni, bisogna anche capire come va il mondo. A volte avere un sogno non è abbastanza.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.