Il racconto: «È la seconda volta che fuggo dalla Libia»

Il racconto: «È la seconda volta che fuggo dalla Libia»

R., 34 anni, è fuggito dalla Libia su una barca di legno sovraffollata con altre 66 persone. Dopo un terribile viaggio in mare, è stato salvato dalla Ocean Viking nel pomeriggio del 25 giugno 2020.

“È la seconda volta che cerco di scappare dalla Libia. Ci ho passato un anno. La prima volta che ho provato a fuggire attraverso il mare, abbiamo finito il carburante e la guardia costiera libica ci ha ripresi. Ci hanno riportato in Libia, hanno strappato il mio passaporto e l’hanno buttato via prima di rinchiudermi in una prigione a Tripoli. Ho passato 35 giorni in quel luogo. Ho dovuto pagare 5000 dinari [circa 3200 euro] per riconquistare la mia libertà. Per ottenere il riscatto, ho chiamato la mia famiglia e mi hanno aiutato, ma ora non posso più viaggiare in aereo.

Durante il tempo in prigione, mangiavamo solo una volta al giorno, piccoli pezzi di pane. La gente moriva di fame. Tutti piangevano ogni giorno. Non potevamo avere accesso ai telefoni e era vietato discutere tra di noi.

Ci sono molte prigioni [centri di detenzione] in Libia. L’unico modo per uscire è quello di pagare la polizia libica.

La mia famiglia mi aveva detto di andare in Libia a lavorare. Non conoscevamo la situazione lì. Pensavamo che la guerra fosse finita, ma non è vero. È un paese molto pericoloso.

Prima, ho lavorato in Arabia Saudita per dieci anni. Sono arrivato quando avevo 19 anni e sono diventato falegname. Andavo in Bangladesh per vedere la mia famiglia regolarmente. Mi sono sposato durante questi tempi, e ho avuto due figli, che oggi hanno uno e quattro anni. Prima del 2015, la vita era abbastanza buona in Arabia Saudita. Ho dovuto pagare 4.000 Riyal saudita (circa 950 euro) per rinnovare la mia residenza ogni anno. Dopo il 2015, il prezzo è stato moltiplicato per 5, e ha raggiunto 20.000 Riyal saudita [circa 4750 euro]. Non è stato più possibile fare alcun guadagno.

Così mio padre ha venduto la sua fattoria per pagare il mio viaggio in Libia. Oggi, non gli è rimasto nulla, ma non potevo rimanere lì. Il paese non è affatto sicuro.

Il mio sogno è quello di trovare un luogo sicuro dove posso lavorare e prendermi cura della mia famiglia. Il mio sogno è quello di riunirsi con loro. Forse sarà possibile tra 5 o 10 anni”.

Photo credits: Flavio Gasperini/SOS MEDITERRANEE

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.