720 persone su una piccola barca – Diario di bordo

720 persone su una piccola barca – Diario di bordo

AQUARIUS Lunedì 03.10.2016

Sono le 5 di domenica mattina. E’ buio ovunque sul Mar Mediterraneo, a 25 miglia a Nord di Sabratah in Libia.  Il mio sonno finisce quando il mio subconscio registra un suono più forte del motore della Aquarius. Due minuti più tardi il bussare alla porta della mia cabina conferma quello che mi aspettavo: un salvataggio.
20 minuti prima l’equipaggio della nostra nave aveva individuato un piccolo punto sul radar. Ad occhio nudo non si vede nulla a quest’ora sul mare – solo buio profondo e il suono delle onde. Il punto è sicuramente una imbarcazione, non un gommone ma, più probabilmente, un barcone di legno. Meno di dieci minuti e la squadra di Ricerca e Soccorso di SOSMEDITERRANE è equipaggiata, le lance di salvataggio sono pronte per essere lanciate.

I grandi e potenti fari dell’Acquarius tagliano l’oscurità del mattino. All’alba mancano ancora ore. Ad alcune miglia di distanza i due fari individuano un oggetto bianco. Mentre ci avviciniamo possiamo vedere chiaramente che si tratta di un barcone. Non è bianco, ma dipinto di blu. Forse lungo, o per meglio dire piccolo, 20 metri.

Questa è una situazione  estremamente pericolosa. I gommoni sono fragili e quasi sempre completamente sovraccarichi. Ma i barconi di legno sono ancora peggio. Sono stracolmi e il pericolo più grande è che possono capovolgersi, se le persone a bordo si muovono troppo o si agitano per il panico.

Le nostre lance di salvataggio arrivano all’altezza dell’imbarcazione intorno alle 5.30.

Troviamo centinaia di persone sul ponte, nessuno indossa un giubbotto salvagente. E ‘difficile capire quanti bambini, donne e uomini ci sono realmente a bordo – poiché quasi sempre ci sono persone anche nella stiva.

Contemporaneamente intercettiamo un’altra imbarcazione, un gommone. Fortunatamente, i nostri colleghi della nave di salvataggio Seewatch2 e della Astral di Proactiva Open Arms non sono troppo lontani e se ne prendono cura. L’Aquarius si concentra su questo barcone.

Dopo aver consegnato diverse centinaia di salvagenti, iniziamo il salvataggio di 20 donne e bambini. Non sappiamo quante persone sono a bordo. A bordo della barca non possono fermare il loro motore, nessuno ha detto loro come fare. Il soccorso di questo barcone, stracolmo, si rivela complesso e difficile, nel buio di questo lunedì mattina.

Una imbarcazione di salvataggio della Astral ci supporterà. I due RHIB fanno la spola all’infinito, gruppo dopo gruppo, prima le donne e i bambini, dopo gli uomini e i ragazzi. Ci vogliono delle ore. Alle 9 abbiamo già più di 500 persone sane e salve a bordo dell’Aquarius – ma il salvataggio è ancora in corso.

“Abbiamo chiesto alle persone sul barcone di contare in quanti  sono ancora a bordo”, dice Antoine, il pilota di una delle nostre lance di salvataggio. “Dicono che ce ne sono ancora 200”. Non possiamo credere a questa cifra, significa che ci sono più di 700 persone a bordo di questa semplice barca di legno.

Il clima è dalla nostra parte stamattina. Ci sono solo onde basse e un vento leggero. Ci vogliono altre due ore e mezzo per salvare tutti. È un’altra buona prova di cooperazione sul mare con i nostri colleghi la cui missione è salvare vite umane nel Mediterraneo. Il giorno prima abbiamo collaborato con la nave del MOAS, TOPAZ RESPONDER, per salvare 170 persone da un gommone sovraffollato.

Questa mattina le squadre di SOSMEDITERRANEE e PROACTIVA OPEN ARMS lavorano mano nella mano. Alla fine, riusciamo a salvare 720 persone in sei ore. Nessuno è ferito, ma molti sono deboli e stanchi. A bordo c’erano 91 donne e 529 uomini. 198 sono minorenni, 9 sotto i 5 anni. 10 donne sono in stato di gravidanza.
“È una follia. Già ieri 170 persone su un gommone era qualcosa che non avevamo mai sperimentato prima. Ma 720 persone su un piccola barca è ancora peggio”, dice Yohann, il nostro coordinatore. È il 30 ° salvataggio di SOSMEDITERRANEE e non abbiamo mai salvato prima così tante persone in una volta sola. Siamo scioccati, ma anche sollevati che tutto sia andato così bene. Non è stato un salvataggio facile e siamo contenti che tutti ora siano sicuri a bordo dell’Aquarius. Ora i nostri partner di Medici Senza Frontiere si prenderanno cura di loro.

Il barcone ha lasciato la Libia durante la notte. “Era intorno a mezzanotte”, mi ha raccontato un superstite Eritreo. “Abbiamo lasciato la costa vicino Sabratah. Eravamo costretti a sedere molto vicini gli uni agli altri e alcuni anche nella stiva. Nessuno sarebbe in grado di stare lì “, mi dice. “Abbiamo pagato 2.200 dollari, solo per questo viaggio con questa barca.”

La maggior parte delle persone soccorse proviene dalla Eritrea (683), poi dalla Somalia (22). E ancora dall’Etiopia, Ciad, Egitto, Palestina e Sudan. E ancora una volta ascoltiamo storie terribili e incredibili sul loro trattamento in Libia.

L’Aquarius è sulla strada verso il nord. Sbarcheremo in Italia i nostri 720 bambini, donne e uomini. Per 2 notti e due giorni rimarranno a bordo della Aquarius e noi ci prenderemo cura di tutti loro nel miglior modo possibile.

Testo: René Schulthoff

Traduzione: Barbara Amodeo

Photo Credits: Fabian Mondl/SOS MEDITERRANEE

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.